Parole · Portatori di memoria

Memoria e filanda

Un racconto della prof Albertini.

 Ho ritrovato questo volantino distribuito agli operai, tra il 1910 e il 1915 ai cancelli della filanda di Cormano in provincia di Milano, dove lavorava mia nonna.

Mia nonna che si chiamava Virginia Astesani era nata nel 1893, era andata a scuola fino alla seconda elementare e a stento sapeva leggere.

Mi ha sempre recitato questo testo a memoria dicendo che lei, giovanissima, semi-analfabeta, quando lo aveva letto per la prima volta aveva capito quanto fossero vere le parole riportate e quanto la sua situazione si rispecchiasse nel testo.

La mia nonna è arrivata fino a 104 anni.

 

Orsù compagne andiamo

Il fischio già ci chiama

Mentre la ricca dama, stanca di amoreggiar

Inizia a riposar

    Sono le 5 appena

    Ma già il padron ci vuole

    Ci aspettano le spole, andiamo a lavorar

    Il ricco ad ingrassar

Se ci si spezza il filo

Il direttor ci insulta

E poi con una multa lui ci dimezza il pan, non mangerem doman

    Noi siamo ognor sfruttate

    Noi siamo ognor divise

    Perché non ci associam, perché non combattiam?

Orsù compagne andiamo

Più nulla temeremo

Se unite noi saremo

Non dovrem più soffrir perché nostro è l’avvenir!!!

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...