Storie di sport

Ray, l’uomo molla

Di Ruben Chiommino e Domenico Traversi

Questa è la storia di un ragazzino di nome Ray, che abitava in una cittadina di nome Lafayette.

Un giorno dell’ottobre 1885 arrivò a casa di Ray un medico che voleva parlare a sua madre della brutta malattia che aveva colpito il figlio. Si trattava di una malattia incurabile. Era da un bel po’ che Ray stava sdraiato sul letto per un’influenza cattiva che colpiva le gambe e non solo quello: le gambe gli si allungarono di ben 20 centimetri, erano dei veri e propri trampoli. Ascoltare le parole del dottor Pollack fece piangere sia lui che sua madre. Non avrebbe mai più potuto camminare. Ad un certo punto Ray sentì una mano che gli toccava la spalla: era Cat, un suo amico importantissimo che gli aveva insegnato tutto nella vita, una persona molto silenziosa ma che era a modo suo affettuosa. Come lo aveva aiutato prima lo aiutò ancora: lo aiutò a riiniziare a saltare. Gli mise una corda davanti e gli disse di provare a saltarla. I giorni passavano, la corda era sempre più alta e lui sempre più bravo. Non sapeva correre veloce, a malapena sapeva camminare, ma in compenso quando saltava sembrava che avesse le molle sotto i piedi e nessuno sapeva spiegare il perché, neanche il dottor Pollack. A scuola nelle gare di salto da fermo non aveva nessun rivale. Era un ottimo studente e a diciott’anni si iscrisse all’ università di Purdue. Molti dicevano che si doveva iscrivere alle olimpiadi. Lui disse che era molto impegnato con gli studi di ingegneria idraulica e che non voleva distrarsi. Dopo aver concluso gli studi e aver preso la laurea trovò lavoro a New York e si trasferì lì. Ogni tanto tornava a casa, e un giorno di quelli sua madre gli sorrise in modo malinconico. Cat era scomparso da una settimana, e l’ultima persona che l’aveva avvistato aveva detto che era entrato nel bosco. Ray il giorno dopo tornò a casa e si iscrisse al New York Athletic Club: voleva andare alle olimpiadi di Parigi che si sarebbero svolte nel 1900. Quando arrivò lì, più che gare olimpioniche sembrava una festa di paese: c’erano incontri di tutti i tipi, da incontri di bocce a incontri di addestramento al piccione.

Raymond Clarence Ewry: i giornalisti lo notarono e lo chiamarono uomo molla. Ray non deluse le aspettative: saltò 3 Metri e 21 centimetri nel lungo, e vinse. Migliorò per due volte il record mondiale. In quell’anno vinse tre medaglie d’oro.

La gente gli saltò addosso per festeggiarlo e lui tra la folla ebbe per un attimo l’impressione di vedere per un attimo una sagoma che si dirigeva verso il bosco. Era lui, Cat.

Videogiochi

ASSASSIN’S CREED VALHALLA

Di Andrea Diani, Gabriel Perugino, Simone Stanghellini

Assassin’s Creed Valhalla è un gioco open world, cioè un gioco con una mappa di gioco molto vasta: non per forza devi seguire la storia principale, ma puoi pure andare in giro e visitare tutta la mappa tra le varie missioni.

Ci sono quanto capitoli: il primo capitolo è la Norvegia, dove si parte dall’ inizio. La mappa della Norvegia è abbastanza piccola rispetto a quella dell’Inghilterra;  in alcune zone è un po’ più difficile andare per il livello rispetto al livello iniziale, ma si sale più facilmente rispetto agli altri Assassin’s creed . In qualche modo la Norvegia è un tutorial per le altre mappe, perché le missioni sono facilissime come è giusto che sia.

Il secondo capitolo è l’Inghilterra, che come obbiettivo ha di allearsi con tutti i regnanti e fare fuori i membri dell’Ordine degli Antichi; è la mappa più grande e a parer nostro ci sono anche le missioni più belle. Trascorrerete qui molto tempo.

Il terzo capitolo è Asgard; per andarci bisogna andare da Valka, che è la stratega del villaggio. Questa è la mappa più piccola, ma è anche la più difficile, perché è dove incontrerai i boss più difficili e appena ti sei liberato di uno te ne arriva subito un altro.

L’ultimo capitolo è quello dell’America, dove il protagonista (Eivor) morirà.

Assassin’s Creed Valhalla è un gioco basato sulla mitologia nordica (vichinga), infatti il terzo capitolo (Asgard) è dedicato al luogo in cui vivono tutti gli dei e vanno i guerrieri morti in battaglia: il valhalla è il paradiso in cui  vanno i vichinghi morti con onore.

All’inizio del gioco si può scegliere se il protagonista sarà maschio o femmina e, se non volete scegliere voi, può farlo il computer senza cambiare la trama.

Una volta portate a termine tutte le missioni secondarie, incluse  quelle segrete, e dopo avere finito il gioco, viene sbloccato un filmato da cui si capisce tutto.

Assassin’s Creed Valhalla ha una grafica molto realistica: è una delle grafiche migliori in uso, ma si può migliorare con delle schede Invidia per migliorare l’uso delle ombre.

C:\Users\Gaia Tagliabue\Desktop\blog andrea elaborazione\immagine assassin's creed valhalla.jpg